Un cucchialin di riso - DiVitaGWebSitec5e9

Vai ai contenuti

Menu principale:

Un cucchialin di riso

Amici artisti > Danilo Carrara > Rime in vernacolo lucchese

IR MI’ GATTO


   Chi è quer bighellone                                     
avvòrto lì ‘n sul letto
(dar sonno sembra cotto)
che po’ tutto a un tratto
ti parte a coda ritta
e via! córe ‘n cucina
ar tintinnà d’un piatto?
   E mi si struscia a’ ppiedi,
alle gambe mi s’appiccia,
finché ‘un ni do la ciccia...
e po’ si lecca ‘ bbaffi soddisfatto?
Ir rufiano dér mi’ gatto!!

   Però...ora che mi torna a mmente,
è anco di mórto ‘nteligènte!
Una vòrta, ‘un mi riòrdo ‘ome mmai,
mentre lu’ ruzzàa cólla pallina,
alla mi’ sorella domandai:
«Chi era presidente ‘n Cina
ar tempo ‘ella Rivolussione Curturàle?»
Le’ mi guardò un po’ male, rispondendo:
«Boh? Io di ‘este ‘ose ‘un me ne ‘ntendo...»
   Ir mi’ gatto, sebbèn fusse distratto,
‘un ci pensò du’ vòrte e fece: «Mao! »

Ah, questa è pròpio bella!
Questa ‘un me l’aspettào:
quer battifiacca è più ‘struìto,
sa più cose lu’ della mi’ sorella?
   Dormiglione, rufiàno, un popò matto,
a vòrte cocciutello...
ma così sapientone ‘un no facéo.
Ah, birba d’un gatto!
Se c’era sempre lo spedivo a “Rischiatutto”.

I mmiràoli der Vin Santo





Dóppo ‘na giornataccia di lavoro,
così stracco ‘he mi ‘ascàan le braccia,
torno a casa co’ ‘na fame ‘he mmòro;
aspettando di mangià la pastasciutta
mi butto strabaccàto ‘n sur divano,
ma avendo un popò la bocca asciutta                       
e addosso m’era preso anco freddino,
mi son ditto: Beàmoci un goccino!

Nella credenza, ritta lì ‘n d’un  canto,                   
v’era pròpio quello che cercào:
una bottiglia piena di Vin Santo.
La stappo... ed ecco ar naso un odorino,
un profumo così ‘ntenso e ‘nebriante
che se ‘un m’attacco forte ar tavolino
sarei partito ‘n tromba, e dar camino
sarei volato ‘n cielo ‘n d’un istante!

Ma quando ho assaggiato questo vino,
questa delìssia dar color dell’oro,
ho sentùto delle fanciulle ‘n coro                              
sussurà:«Vieniiii...» –Ah, ’un ci ho visto più:
lasciando ‘r bottigliòn lì meszo vòto,
ho agguànto la mi’ dorce spasimante
(a più di cento ‘hilometri distante),
ed è stato tutto  un teremòto!!!

I  mmiràoli l’ha fatti  ‘esto fiore,
‘sto santo generoso vinìn’ bianco
che mette ‘r foerèllo drénto ar còre...
Ma mi ci ha misso pure un dubbiettìno,
perché nello svegliàmmi , la mattina…
o ’un mi son trovo aggiàcco lì ‘n cucina
che abbracciào le gambe ar tavolino!
    E la testa mi giràa com’un frullino.

Le donne en’ tutte belle


   Dóppo che Dio, l’omo, ebbe creato,               
s’accorse di quarcòsa che ‘un andava:
vidde ch’era sempre più agitato
e che la mana …troppo dimenava.                               
   «Qui urge di trovà ‘na solussióne,
qui bisogna ‘scogità un piano
per fanni scarià l’agitassióne,
e riposànni un popoìn la mano…».
   Così creò la donna nd’un baleno,
e coll’aìto di vélla compagnia,
Adamo, più carmo e più sereno,
finarménte guarì dalla “mania”.

   Da allora di tempo n’è passato,
ma senza avé  nde’llètto o sur sofà
‘ste meravigliose perle dér creato,
siuraménte l’omo ‘un pòle sta.
   Oddio, a vòrte fan girà le palle,
mórto spesso rómpeno ‘ ccoglioni,
ma le donne bisogna sempre amàlle
alla pari d’un piatto ‘i maccheróni.
   Ed io, zittellóne, l’amo tutte,
ed anco mi piàceno un fottìo
vélle ch’ar di fòra sembran brutte:
cian’ tutte ‘na ‘osìna che ‘un ció io!

  Bionde,  more, castagne, buglioróse,
cóll’occhi storti, pillaccoróne,
scimbràccole, stìtie, dispettose,
cólle puppe a ppéra, cór nasóne,
   che portino ‘ ccarzóni o le gonnelle,
che mangino la nsuppa od ir pancótto,
di siùro le donne en’ tutte belle;
ché se ‘un en’ belle sopra … en’ belle sotto!

    La risaiòla


   Era un giorno di fine settimana,
in cucina facéo la colassióne,
quando così, senza ‘na ragione,
fui chiappo da ‘na sensassióne strana.
   Tutto curioso, buffo, mi paréa:
    ir frigo, la credenza, ir forno a gasse…
tutto mi sembràa che ridacchiasse,
ir mondo ‘ntero, ‘ntorno a me, ridéa.
   E a rride’ cominciai anch’io di scatto,
prima pianìno, po’ sempre di più;
cólla bocca piegata all’insù,
per mesz’ora ridétti com’un matto.
   Alla fine  un popoìno smisso avéo,
accendo la tivvù… e chi ti veggo mai?
Berlusconi!  E alló ricominciai
più che di prima, alló si che ridéo!
   Ridéo, sghignassào da sbellioràmmi;
mi davo schiaffi, pacchìne, pissiòtti,
 (pe’ smette’ mi mollai anco du’ cassòtti),
‘un c’era pròpio verso di fermàmmi.
    Quando l’occhio mi ‘ascò lì ‘n sur camino
in du’ c’erin le bullétte da pagà
della luce e dell’acqua, e un po’ più ‘n là,
dér mutuo della ‘asa ‘r bullettìno.
   Alló mi presi ‘r viso fra le mane,
cominciai a sospirà, vienìtti nero:
questo è ‘r mondo, questo è quello vero…
‘un c’è nulla da rride,  porco cane!!
   E alló perché ridéo?  Boh, e chi lo sa?
Via viaaa! Siamo a tempo a rabbuiassi ‘n viso:
guasi guasi… ci faccio un bèr sorìso
e ar “Bunga Bunga” mi metto a ruzzà.

 Ir sognatore


Io sono un sognatore...
a ogni donna amata
ni regalo un fiore.

Quand’ero sbarbatello,
aocchiàvo una fanciulla
di nome Simonetta:
Era pròpio un chicchìno!
Ni diedi  ‘na violetta
in cambio d’un bacino...                  
Ci rimediai un nocchino.

Ero già dovènto zio,
quando alla bella Zita,
donna di gran dorcézza
che mi garbàa un fottìo,
ni donai ‘na margherita...
Cólla su’dorce mano
mi fece ‘na carezza.

Ar su’ marito Remo,
per ‘un èsse’ scortese,
regalai un crisantemo:
o ‘un se la prese a mmale
quer rùschio omone!
Mi de’ ‘no sganascióne,
finìtti all’ospedale.

Ma quant’ ho amato Ardelia
‘un me lo scorderò mmai!
Ci andai co’ ‘na ‘amelia,
e lle’:  «O cche sse’ pazzo?
Una ‘amelia sola…
regàlimene un mazzo!»
Mille mazzi ni donai...
povero sciabigòtto!
Per un anno misse
‘ffiori gràtisse ‘n salotto
‘nsieme cór su’ Franco…
E io rimàssi ar verde
e andétti in bianco.

Ma ‘un me la piglio mia:
ir mondo è così bello,
pieno di donne e fiori,
pieno di grandi amori…
sempre sognà, bisogna!
Infatti, sogna sogna...

so’ rimasto zittello.

L’intrepida vecchina    



Esurtàte, bimbi bòni:
sulla scopa di saina
è arivàta la vecchina
con un sacco pien di doni!

Dalla fredda Garfagnana
è arivàta a Lucca drénto.
Quanta neve! Che gran vento!
Che coraggio ha la Befana!

Su, diciamo tutti ‘n coro
un bèr gràssie alla nonnetta
che stanotte, poveretta,
ci ha da ffare un gran lavoro!
Dai, cantiamo tutti ‘n coro:

  «Tante gràssie, Befanina!
Son felici ‘ bbamborìni
quando scendi da’ ccamìni
con in mano la carzìna!

Qui a Lucca ve n’è mmórti
ed è già ‘na settimana
che t’aspettano, Befana:
dicci dicci: che ni porti?»

«Eh…! Oggi ‘ ttèmpi èno cambiati…
‘un so più quér che pportà:
a volélli contentà
questi bimbi smalissiàti…
a volélli contentà!

I ragàssi d’oggigiorno,
sia ‘ ffurbétti che ‘ ppiù bbòni,
di telefonini e doni
montagne hano d’intorno.

La misura più ‘un esiste
e se ‘un cambia situassióne…
va a finì che vo ‘n pensione:
sono triste… sono triste…

Una vòrta ogni bimbìno,
(e qque’ ttèmpi ‘un ‘èn lontani)
con che gioia battéa le mani
per un chicco o un mandarino…
con che gioia battéa le mani!»

«Cara, cara Befanina,
‘un ti devi rattristà:
c’era tanta povertà
a qque’ ttèmpi lì, vecchina.

Ma c’è ancora chi ‘un ha niente…
va dda llóro, va Befana:
vola in Africa lontana,
‘un c’è solo l’Occidente.

Va a trovare quelle genti:
a qque’ ppoveri nerini
porta ‘cchicchi, ‘ ggingillìni,
e saràn così contenti!
Oh, saràn così contenti!

E a’ nnòstri che han’ di più,
a qque’ nnòstri birbaccióni,
porta insieme con i doni
la parola di Gesù.

Lascia loro un messaggìno
dove tu ni fai sapere
che ir troppo… ir troppo avere,
‘un fa la felicità».

«I bimbìni capiràno?»
«Capiràno… capiràno…
apriràno ir loro cuore,
sarà un mondo migliore
quando grandi venteràno.

Sarà meglio dér carbone,
sempre ti ringrassieràno
e così continueràno
questa bella tradissióne».

Ora ride la Befana…
e cór sacco pièn di doni
da portare a’ bbimbi bòni,
sulla scopa s’allontana.

«Torna presto, Befanìna:
metti ‘r turbo alla granataaa!»
«Sarò a Lucca di volata
prima ancor di domattinaaa…»
«Oh, che intrepida vecchina!»

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu