La grande Quuercia - DiVitaGWebSitec5e9

Vai ai contenuti

Menu principale:

La grande Quuercia

Agricoltura


Farnia di Capannori o detta Quercia delle streghe oppure Quercia di Pinocchio

La Quercia delle streghe (o Farnia delle streghe) è un albero monumentale di Capannori in provincia di Lucca. Si tratta di una quercia (o farnia) appartenente alla specie quercus robur molto diffusa in tutta Europa.

La Quercia delle streghe è situata nel Parco di Villa Carrara a S. Martino in Colle, frazione di Capannori.
Il possente albero vanta una età approssimativa di 600 anni. Esso presenta un’altezza di 24 metri, un tronco dalla circonferenza di circa 4,5 metri ed una chioma di oltre 40 metri diametro, misure che consentono alla Quercia di essere classificata seconda in Toscana per dimensioni. La particolarità di questa pianta è la tendenza a espandersi in direzione parallela al terreno, cosa non comune nelle farnie di questa famiglia.

Storia

La Quercia delle Streghe versa attualmente in buone condizioni, nonostante alcune brutte avventure capitate negli anni.

Innanzi tutto, nei primi anni del secolo scorso, alcuni vandali spezzarono alcuni rami sedendovici sopra. Successivamente, durante la seconda guerra mondiale, la Quercia fu individuata dagli occupatori nazisti come legna da ardere, ma poi il progetto di abbattere l'albero monumentale fortunatamente sfumò. In seguito negli anni Sessanta l'albero fu colpito da un fulmine che gli causò importanti danni. Negli ultimi anni ha subito danneggiamenti delle radici per colpa dei troppi turisti che hanno calpestato il terreno intorno alla pianta ed è stata colonizzata da insetti infestanti che nidificano all'interno del tronco.

Leggende

Si narra che la espansione della chioma in senso orizzontale sia dovuta al fatto che un gruppo di streghe solesse tenere i loro sabba sui rami della Quercia, da cui il nome "Quercia delle streghe" e che questo abbia causato tale insolito sviluppo dei rami.

Un'altra leggenda vuole che questa Quercia sia quella ai piedi della quale il burattino Pinocchio avesse seppellito i denari nel famoso episodio del racconto de Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi. Il paese di Collodi, che diede i natali al celebre scrittore, infatti non si trova molto distante.



LA 'QUERCIA DI PINOCCHIO' DIVENTA ALBERO MONUMENTALE E BENE PAESAGGISTICO

La Quercia delle Streghe di San Martino in Colle, che ha 600 anni di vita, nota anche come Quercia di Pinocchio, da cui ha tratto spunto Carlo Collodi nello scrivere le avventure del burattino, è stata riconosciuta come albero monumentale. La decisione è stata presa dalla Consulta tecnica regionale per le Aree protette e la biodiversità della Regione Toscana in seguito alla richiesta del Comune di Capannori e del Wwf.

"E' un onore per Capannori che quest'albero, che la leggenda lega a uno dei libri italiani piu' conosciuti nel mondo - dichiara il sindaco Giorgio Del Ghingaro - sia entrato a far parte dei beni paesaggistici della Regione. E' un riconoscimento per il nostro territorio, che offre molte bellezze architettoniche e naturalistiche. Ci auguriamo serva a far ulteriormente conoscere il nostro comune''
L'albero, della specie Quercus pubescens, ha dimensioni quasi irreali: è alta 24 metri, con una circonferenza di 4,5 metri, mentre la chioma ha un diametro di oltre 40 metri. Si trova nel parco di Villa Carrara ed è oggetto di due leggende. Si narra che questa pianta fosse il punto di ritrovo per le streghe che erano solite fare i loro riti e danzare sopra di essa. La sua forma schiacciata, con i rami sviluppati quasi orizzontalmente, caratteristica inusuale per gli alberi di questa famiglia, sarebbe dovuta alla ripetuta presenza delle streghe sulla chioma.

La seconda leggenda collega la quercia al romanzo “Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino”. Questa sarebbe proprio la “Quercia grande” dove Pinocchio venne impiccato dagli assassini che volevano rubargli le monete d’oro e vicino alla quale poi il burattino incontrò il Gatto e la Volpe, che lo convinsero a sotterrare i denari nel Campo dei Miracoli nella città di Acchiappa-citrulli.



 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu