Io la voglio 'ntatta! - DiVitaGWebSitec5e9

Vai ai contenuti

Menu principale:

Io la voglio 'ntatta!

Amici artisti > Danilo Carrara > Rime in vernacolo lucchese

di Danilo Carrara


     
          “ Io la voglio ‘ntatta!”

                   
(Parodia di un matrimonio campagnolo)



                                                          *
    
   « Porca vacca, c‘om’è cambio ‘r mondo! »  direbbe mio nonno se tornasse in vita:
 « Quér che a mmi’ tempi era quadro,ora è tondo; si, c’è ‘r benèsse’,la gente è più ‘struìta,
     ma ‘un c’è mmoralità, ‘un c’è più freno:  in duv’ è ita a finì la martinìcca?
 Guarda le donne: en’ sempre a bùo pieno, la dàno a tutti, po’ pìglin la pasticca…
     Una vòrta era l’omo a esse’ gallétto e le donne…lì ‘n casa a ffa’ la trina;
  ir primo omo che si portàino a lletto, era ‘r marito sposo la mattina ».
     « Siete sicuro, nonno, siete convinto? » - « Siùra era la prova dér giacìglioro,
  e se di sangue si trovava tinto… se ‘un era sangue di ‘unìglioro:
      sai che ti dìo? En’ furbe più dér gattooo! Anco ‘na vòrta èrin disposte a dalla;
  lo faceino un popoìn  più di soppiatto, ma ‘n fin de’ ‘onti… è tarabaràlla.
      E a propòssito ’ella verginità, ti voglio raccontare la  storiella
  d’un matrimògno di quell’anni là tra ‘no zittellóne e ‘na zittella,
     una ‘osina un po’ partioràle, padorìa di quér mondo contadino
  quando ancora s’ammazzàa ‘r maiale, ma a vòrte c’era solo un salacchìno.
     E ‘un pensà che sia tutta barzelletta!  In bòna parte è pròpio cosa vera:
  io ho solo riprendùto la ricetta, cucinandola un po’ alla mi’ maniera:
     cólla fantasia l’ho bèn condita, ce n’ho schiòcca  ‘na bella cucchialata:
  speriàm che sia viensùta saporita!  Ma se d’ironia troppo è pepata,
     se ti sembra un po’ troppo piccantìna, l’ho fatto sol per fatti divertì,
  per fatti fa’ quàrche risatina…  e la storiellina eccola qui:


                                    *    *

     Quando di polli  èrin piene l’aie e all’arba di tutte le mattine,
 per sentì se avéin l’ovo, le massaie attastàano ‘r culo alle galline,
     (scegliendo quelle da portà ar mercato),  in d’una corte, in quér della Badìa,
 vivéa ‘no zittellòne patentato rimasto solo ‘n casa cólla zia:
      i ssùa, ch’erin d’origini pisane, èrin morti tutti ‘ ddu’ d’indigeschiòne
 ‘n der giro di pòghe settimane.   Ir su’ nome vero era Gastone,
      ma da quando era tórno da sordàto tutti quanti lo chiamàvin Nèrchia,
 essendo un omo mórto fortunato: in quer posto lì ciavéa ‘na perchia!
     Nèrchia era un omo pròpio eccezionale: arto, robusto, pieno di salute,
(co’ ‘na mana arzàa più d’un quintale!) le gente le facéa rimané mute;
     ciavéa solo  un piccolo difetto: tutte le vòrte che si mettéa a parlà
 le parole ‘un ni sortìan  di getto, e allora cominciava a rincheccà.
     Ed era pure un bravo contadino!  ‘Un c’era nessun artro, alla Badìa,
 tanto esperto a sparge ‘r perugìno: com’era lesto! come tiràa via!
  Era davvero un gran lavoratore: quando ‘r gallo facéa chicchiricchì
era già ne’ ccampi da ddu’ ore, la vanga ‘un na facéa arugginì.
   Solo che, pur se male ‘un era misso, ‘un trovàa da sposà la donna adatta
perché ciavéa ‘n testa ‘r chiodo fisso: s’era ‘mpunto di volélla ‘ntatta.
   « Ma che aspetti? » ni facéa la zia Pina:  « Che te la portino bell’e spiattellàta?
E ppo’ m’aitérebbe me ‘n cucina a guardà che ‘un bruci la frittata!
  Ti ciandérebbe pròpio ‘na donnetta: lo vedi che a ffa’ tutto ‘un ce la fo?
Pìgliela quanto prima... dammi retta! » - « Oimmèna!  prima o ppoi la p..piglierò ».
  « Ci sarebbe ora l’occasione bòna: alla Bernarda n’è morto ‘r marito...».
« Ma t..te sse’ matta! Io sposà quella b..buóna? Io la voglio ‘ntatta... hai c..capito?!?! »
  « Piglia la figliola di Pisciapiano... quella ‘un è ‘na donna da tre tacche:
è ‘na lavoratóra, sverta ‘i mano, vedessi ‘ome sa fa a munge le vacche! »
  « Io ‘un na voglio una vecchia c..ciabatta...». - « O vvia Nèrchia, ‘un fa lo schizzinoso! »
« Io la voglio ‘ntatta, ‘ntatta, ‘ntatta... se ‘un na t..trovo ‘ntatta io ‘un m..mi sposo! »
  « Alla tu’ età, bimbo, ‘un pòi pretende... tra pògo sei guasi da pensione:
possibile che ‘un ci sia una da prende? »  Ma Nèrchia pròpio ‘un intendéa ragione,
  da quell’orecchio davvero ‘un ci sentìa.

                 
                                     *  *  *
                                 
                                                  Però, arivàto che fu a quarant’anni,
‘un potendo sopportà più la su’ zia che stava tutto ‘r tempo a rammentànni
   un bér giorno, per levassi ‘r dente, per ‘un sentissi più urlà ‘n sur viso,
ir poveraccio disse finarménte: « Via via, l..la piglio: s..son deciso! »
   E così, con arcuni amici cari, dóppo cena cominciò ad andà
a veglia da Buìno di Porcari, che du’ figliole avéa da marità.
   Una era ‘na morina deriziósa di nome Nina, vent’anni appena,
una ragàzza mórto giudiziosa, un po’ grassina, ma così piena
   di vita, ma così fresca e pura, che Nèrchia rimàsse furminàto
da tanto meravigliosa creatura: di Nina s’era pròpio ‘nnamorato.
   L’artra era un’antepàtia zittella di guasi quarant’anni, una tardóna
che di Nina ‘un sembràa nemmén sorella; da tutti conosciuta ‘n della zona,
   ir su’ nome vero era Pompèa, però la chiamàvino Sisìna
perché « Sisì sisì » sempre dicéa, da quando picchiò ‘r capo da piccina.
   Brutta ‘un era, o armeno ‘un era stata, da giovana ‘un era tanto male;
ma po’ era un baùle doventàta, e doppo avé sùpero ‘r quintale
   soffrìa di disturbi mórto seri: l’aria ‘n pancia si ni venìa a formà
e se ‘un si facéa fa de’ be’ ccristèri stava anco più d’un mese senz’andà.
   Per questo delle vòrte dàa di fòri ed era così nìfida e nervosa
cólla sorella e co’ ssu’ genitori; ma coll’omini com’era generosa!
  La dava a tutti, e a tutti dicéa d’esse’ vergine; e se a ‘un usàlla un po’ più stava,
ni paréa che fòco ni prendesse e in modo così buffo caminàva
  che tutti ni chiedéin la ‘nformazióne: « Perchè camìni a gambe larghe, Sisìna? »
« Eeeh!...mi c’è viensùta la ‘nfiammazióne...». - « Ma come? pròpio lì nella ‘osìna? »
   « Sisì sisì... pròpio lì, pròpio lì... ho  preso anco la purga ma ‘un mi passa:
ció ‘na rósa che mi fa ‘mpazzì! » - « Prova... prova a piglià marito, ragazza...».
   Ma a quarant’anni ancora era zittella: sarebbe stato Nèrchia l’omo adatto,
ma a llu’ ni garbàa la su’ sorella; era di Nina ‘nnamorato matto,
   Nina era la ragazza che sognava, la donna che lo facéa rincitrullì;
a bocca sparancàta la fissava, e le’ pensando: « Ma che vòle quello lì? »
   di córpo diventava tutta rossa.  « È fatta! È fatta! » ni dicéan l’amici,
« Ma se la vòi sposà datti ‘na mossa: perché ‘un ti fai avanti e glielo dici? »
   E una sera vienìtte, finarménte, deciso a fanni la dichiarazione;
ma a Nina (ohi ohi!) ni sentìa un dente e llu’, ‘un volendo perde’ l’occasione,
   andé diritto da ssu’ genitori  che con Sisìna stàvino a cenà;
ma le parole ‘un ni sortiàn fòri: « V..Vorèi...» – « Dai Nèrchia...’un ti vergognà ».
   « Voréi piglià a moglie v..vostra figlia... son vienùto a c.. chièdevvi la mana ».
« Oh! meno male c’è uno che la piglia Sisìna... ‘na ragazza così sana! »
   « V..Veramente a me mi g..garbàa Nina...». - « Quì si va a filo, siam gente d’una vòrta:
prima ‘ella grande e po’ ‘ella piccina se ti sta ben... sennò quella è la porta ».
   « V..Va bbe’, allò è lo stesso...mi piglio l..la maggiore; però vi voréi ora
c..chiede’ una ‘osa  ‘ome fussi v..vostro figlio: v..voréi sapé se lei è anc..cora... anc..cora...».
   « Lei chìe? la nostra figliola? è ‘ntattaaa!  Dinni, dinni anco te Sisìna , dai! »
« Sisì, son come mammìna m’ha fatta, un omo  ‘gnudo io ‘un n’ho visto mai ».
  « G.. Giuralo! » – « Sisì, lo giuro sulla ‘osa a me più cara... però a un patto:
mi devi piglià sùbbito ‘n isposa ». - « D..Domani vo dar prete... af..fare fatto ».


                                       *   *   *   *

   Dóppo un mese èrin già moglie e marito: sposóno ‘n della chiesa di Porcari,
gremita, ortre a quelli cóllo ‘nvito, di paesani e conoscenti cari.
   Era un dórce sàbbato mattina, ‘na giornatina di ‘élle pròpio belle
cór cielo azùro e l’aria frizzantìna.  Nèrchia, che ‘un istàa più ‘n della pelle,
   alle sette era ‘n chiesa che aspettàa: (oh, lu’ l’avéino avvésso a ‘rivà presto)
ma Sisìna,Sisìna ritardàa. « Ma bada un po’... ora te f..fanni ‘ rrèsto...
   c..che avrà fatto? » nervoso si chieda, soffiando, pestando ‘ ppiedi ‘n tèra.
« Ciavrà ripènso! » la gente lo sfottéa. « Accidèrba, accidèrba a q..quella sera:
   dovéo piglià p..pròpio una ‘osì lenta?  ‘En q..quattr’ore c..che son qui c..che aspetto! »
Finarménte Sisìna arivò tutta ‘ontenta, a pòtta pari, con su’ pa’ a braccetto:
  « Scusate se ho ritàrdo un cicinìn...». - « C..Che avéi fatto? T..Ti si venìa a cercà ».
« Ciavéo... ciavéo da governà ‘r micìn, ‘un potéo lasciàllo mia senza mangià? »
  « E io a ‘spettàtti qui c..com’un salame... tutto ‘esto tempo a g..governà un gatto? »
« O che ci posso fa se ‘un avéa fame...».  Se ‘un no réggeno Nèrchia dava ar matto;
  ma pròpio ‘n quér mentre arivò ‘r prepósto che, ridendo, a Sisìna domandò:
« Va tutto bene? » – « Sisì, è tutto a posto ».  E la cerimògna ‘ncominciò.

                                  *  *  *  *  *

   Fu ‘na cerimògna con i ffiocchi, colla Messa ‘antàta e tanti fiori
e candele accese a volontà. Coll’occhi attenti, e un po’ di nostargìa ne’ ccuòri,
   alla funzione ‘ ffedeli assistéino ammirando i ‘ tteneri piccioncìni,
che ritti accanto all’artàle, avéino a ffianco i ttestimògni vicini:
   Sisìna sforgiàa un vestito ‘osì bello! Tutto bianco, tutto ‘n seta pura...
ma nell’abito scuro, e ‘r pilistrèllo, anco Nèrchia facéa la su’ figura.
   Intanto finìa la Santa Messa ed ecco che ‘r momento era ‘rivàto,
ir momento della magica promessa: ir sacerdote aprì ‘ llibbro dorato
   e lette arcùne frasi su n’un foglio, rivòrto a Nèrchia, serio, domandò:
«Vòi tu prènde’ in ispòsa...? » – « Si, lo v..voglio! » risposse lesto lesto.  Po’ toccò
   a Sisìna che... oh Madonna mia! Sarà pe’ lla grandissima emozione,
sarà perché soffrìa d’arefobìa, sentì ‘n corpo ‘na grande ‘onfusióne,
   sentì dell’aria che spingéa, spingéa... Provò a resìste’, a stringe’ fforteménte,
ma ‘un c’era verso: quanto più stringa, più l’aria pigiàa... e ‘mprovvisaménte,
   (dall’eco della chiesa amprifiàto), un tròno co’ rrimbómbo eccezionale
squarciò ‘r grande silenzio. « Oddio, che è stato?! »  Ir prepósto sartò sopra l’artàle.
   La gente, a bocca aperta, sbigottita, giràa la testa in ogni direzione;
ma quando po’ capì com’era ita, quando misse a fòo la situazione,
   un piolìo nell’aria serpeggiò  come in un branco ‘i pucìni campagnoli.
Po’ quarchedùno dalla folla urlò: « Lo sposo deve avé mangio ‘ ffagioli!! »
   E allora fu tutta ‘na risata : l’amici, i ttestimògni, le sorelle,
la sòciora a bocca sparancàta... tutti tutti rideàno a crepapelle.
   Ir preposto ‘un voléa ride’, ma quando vidde che pròpio ‘un ci riuscìa,
quando capìtte che stàa per iscoppià, quatto quatto si nascosse ‘n sagrestìa...
   e lì si fece certe risatine! Le mogli dér becchino e dér notaio,
ridendo a singhiósso ‘ome galline, paréin sortite fòra dar pollaio.
   Scotèndo la testa a capo chino, solo Nèrchia, cólla rabbia addosso,
stava lì mogio mogio, poerìno. Sisìna sghignazzava a più non posso
   sbirciandolo con occhio marizióso:  « Però anco te... ‘un ciavéi artro posto? »
« Io ‘un sono stato ».  rispósse nervoso.   « E chi è stato alló, forse ‘r prepósto? »
   Ir prepósto sortì dar nascondiglio:  « Un siamo ar bare, gente... tutti fòra!   
Oddio che confusione, che scompiglio...la funzione ripiglia fra mesz’ora ».
   All’aria aperta la folla si carmò, intorno a’ ffidanzati fece cérchia
e a rincuorare l’omo ‘ominciò: « Un te la piglià, povero Nèrchia...
   ‘un hai ‘ommesso mia nulla di male: ir Padreterno t’ha certo perdonato...
in fin de’ ‘onti... è una ‘osa naturale, po’ ssuccède’ quand’ uno è emozionato ».
 « Io ‘un s..sono stato...‘un me ne sarò accorto:d..devèssimi scappa ‘osì, s..senza sapéllo...».
« Dai, ‘un ci pensà ppiù... nessuno è morto: pensa solo a sposàtti, ir mondo è bello! »
   Dóppo pòo rientróno tutti ‘n chiesa:   serio serio, ir prepósto riominciò
la funzione da ‘n du’ era sospesa, e a Sisìna ancora domandò:
   « Voi tu prende’ in ispòso ir qui presente...? » - « Sisì sisì... ah, ma che giornaccio! »
pensò fra se: «Aìtami tu, San Cremènte... ancora l’aria ‘he ppigia... ora ‘ome faccio?! »
   Questa vorta, per su’ grande fortuna, era ‘na loffettìna merodiósa:« fiiiiiiiii! »
« Un serve dillo tre vorte, basta una... vi dichiaro marito e moglie ».  Si
   sorìseno scambiandosi l’anello, ma ar dito di Nèrchia ‘un ci n’entràa
perché se l’era schiaccio cór martello a addirizzà ‘ cconfetti e ni gonfiàa.
   « C..Che facciamo? L’anello ‘un entra ar dito...». -  « Via via, basta solo l’intenzione... »,
fece allo’ ‘r preposto spazientito impartèndoni la benedizione.
   E la cerimògna terminò: uscìtten tutti fòra co’ rriso ‘n delle mane,
e di chicchi li sposi riempìtten mentre a festa sonàvin le ‘ampane.


                            *   *   *   *  *  *

   Era ‘na giornatìna deriziósa:  ir sole gioàva a rimpiattìno
co’ ‘na nuvoletta dispettosa, sola sola ‘n tutto ir ciel turchino.
  « C..Ci pensi, c..cara? Ormai siamo sp..sposati...» - « Sisì, ‘nghiàmo a ffa’ ‘r giro ‘i Porcari! »
Partìtten con tutti l’invitati  (vicini di ‘asa, parenti, amici cari)
   facendo ‘r corteo per élle vie.  In testa  era ‘r baroccio ‘elli sposi, tirato
da ddu’ vacche ‘nghingheràte a festa, con sotto la ‘óda un bèr tappo ‘nfilàto:
  « Me l’ha ‘onsigliàto B..Beppe, l..lo spazzìn,»  fece Nèrchia alla su’ dorce sposa:
« a rac..cattalla tutta stàa lustrìn’! »  Ir caro, cólla ‘oppia meravigliosa,
   avanzava lemme lemme, strascinando  una sfirza ‘i tegami e un orinale,
che ‘n sulla ‘areggiàta sartellàndo, facéino un chiasso, un casìno ‘nfernàle!
   L’invitati, a piedi o ‘n bicicrétta, seguìan co’ un fiorellìn di zucca ‘n mano,
e ’n coro ‘ntonàndo ‘na strofétta sonàano ‘ ccampanèlli a tutto spiano.
   Chiudéa la fila un buffo porcellino (mascòtte dér paese) e ‘n d’ogni via
ridéa a crepapelle ogni bimbìno; la gente lì un fottìo si divertìa.
  « Viva lo sposooo! Evviva la sposinaaa! »  Nell’aria c’era solamente un coro.
« Hai visto q..quanta gente, S..Sisìna? » - « Sisì, mamma mia che lavoro! »
    Donne, omini, cunìgliori, pucìni… paréa pròpio d’essere alla fiera;                                                                                               
tutti volèan vedere ‘ ppincioncìni, ognun’ li salutàa alla su’ maniera:
    ar festoso squillettìo delle ‘ampàne, chi sartàva, chi facéa l’inchino,
chi sventolàa ‘r cappello cólle mane, chi le mutande, chi ‘r fazzolettino...
   Un bimbo cicciottèllo fece un rutto appoggiato ar carétto ‘e bbombolóni,
mentre un maniaco veramente brutto, sghignazzando, tiràa su e giù ‘ ccarzóni;
   du’ donne, salutando dar barcóne, a gambe larghe la facéan vedé,
e a quér di sotto c’era un guardóne  che per vedélla si misse a sedé.
   Tutti ‘ pporcarési èrino ‘n festa: quando passàa ‘r baroccio ‘e ppiccioncìni,
le galline abbassàvino la testa,  mentre l’arizzàvino ‘ ttacchìni.
   E ‘ ppiccioncìni èrin’ così contenti!  Sisìna rideva a tutto spiano,
e Nèrchia salutava ‘ cconoscenti dorceménte tenendola per mano.
  « È solo un sogno o è t..tutto vero, c..cara? » - « Sisì, è bello... è tutto eccezionale...
e che sole, che giornatìna chiara!  Pensa se venìa giù un temporale:
    ‘un s’è pòrto ‘o nnoi manco l’ombrello ». - « D..Dobbiamo ringraziare G..Gioveprùvio:
g..guasi guasi ni ‘anto ‘no s..stornello ».  Dóppo pòo si scatenò ‘r diluvio:
   lampi, tròni, un ventaccio prepotente!  Venìa giù l’acqua ‘ome Dio la  mandàa.
« A rripàrooo! A rripàrooo! » urlàa la gente; chi di qua, chi di là, si sparpagliàa.
    Li sposini entrón sotto ‘baroccio:  « Occhio ar vestito, c..cara… è a n..noréggio,
se si sciùpa p..paghi e pigli ‘r c..coccio ». - « Sisì ci sto attenta, lo protèggio ».  
   In quér mentre, a ‘na vacca spaventata,  ir tappo schizzò via e… spràffeteee! Una
spruzzata ‘r velo ‘mbrattò. « O cche giornata! » - « Un te la piglià,  p..porta fortuna…».
   Così com’era ‘riva, la tempesta,  brontolando di ‘órpo se n’andétte:
ir sole rimìsse fòri la cresta ér corteo di nuovo riprendétte
    a portà per élle vie tant’allegria.  Era sonàto ‘r tócco da poìno,
quando ‘mboccón la via della Badìa per ir gran pranzo a casa ‘ello sposino;
   ma come arivóno ad una svòrta  in un punto che la via era allagata,
ir baroccio di ‘orpo dette vòrta co’ una ròta nella fossa sprofondata.
   Sisìna, lesta, s’agguantó alla sponda, ma Nèrchia ‘un fece a tempo e scivoló
diritto nér fossón’ dell’acqua fonda, che più su dér naso n’arivò;
   lo tirón fòri co’ un ranocchio ‘n bocca  tutto grondóni, zuppo da strizzà:
« Ac..cidenti ar mondo e a q..quella tòcca! »  «O cche ci ho córpa io? Che ciài da brontolà?»
   fece Sisìna tutta ‘ncavolàta.  « ’Un ce l’ho mia c..con te… m..mondo briào!
Ce l’ho c..coll’acqua c..ch’è t..tutta bagnata, se f..fusse stata asciutta ‘un m..mi bagnào ».
  « Sposo bagnato, sposi fortunati! » - « S..Sarà, ma ‘nghiàmo a d..desinà c..ch’è l’ora:
meno male c..che siam’ g..guàsi ‘rivàti, ‘un vorèi c..che d..diruviàsse ancora ».

   
                               *  *  *  *  *  *  *

    A casa dello sposo, alla Badìa, tutto era pronto pére l’abbuffàta,
la grande mangiatóna che la zia  avéa cólla su’ amica preparata:
  « Scusate se ho apparecchio ‘n della stalla, ma ‘n salotto ‘un ci si potéa entrà,
tutta ‘esta gente ‘un sapéo ‘n du’ ficcàlla ». - « È uguale, è uguale, zia : b..basta mangià;
   p..portali a vedé ‘ rregali, S..Sisìna, mentre io vaggo ar c..còmodo un poìno ».
« Sisì, vienite… ènno giù ‘n cantina…».  Piatti, tegami, péntole, ir colino,
   la grattugia dér formaggio, i’ rrumaiòlo… : c’era veramente un po’ di tutto.
« Guardate quant’è bbello ‘sto paiolo! » - « Èn tutti belli, ‘un ce n’è uno brutto… ».
   « E questo macinino dér caffè? » - « Davvero ‘na derìzia!  E quella ‘osa
lì di legno, quér trabìccolo che è? » - « Eeeeh…è ‘na ‘nvenzióne pròpio favorósa:
   la macchina de’ ccristèri atomàtica!  Me l’ha regalata ‘r mi’ ‘ugìn
che oggi manca… sapéssito ‘ant’è pratica: ci si mette a sedé sur seggiorìn
   cór bùo nér mèszo, si pigia ‘r piedàle  e… zaccheteee!  si fa tutto da soli ».
« Oh, è pròprio ‘na ‘nvenziòne eccezionale! » - « E c’è anco ‘r vasìn per élli scoli… ».
  «Allora un manca nulla veramente ». -  « Sisì, ringrazio tutti, son contenta…
ma ora ‘gniàmo, tutti a tavola gente, sennò la zia, poerìna, si lamenta ».


                             *  *  *  *  *  *  *  *

    La zia, spezzettando ‘r pollo aròsto, salutò tutti quanti cólla mano:
« Accomodatevi pure ar vostro posto ».  Venìa ar naso un odorino strano,
   ma ‘n della stalla male ‘un ci si stàa; di mosche ‘un ve n’èrin neànco tante:
c’era ‘r bimbo dér fattore ‘he ci pensàa a fregàlle ar volo tutte quante.
   Accipìcchia ‘om’era lesto ‘er bimbìno!  Cólla manina si divertìa a chiappàlle
e po’ l’appicciàa tutte ar tavolino; e la zia a una a una a spicciàlle.
   Povera donna, ‘anto si dàa da ffa’!  S’arzàva all’arba tutte le mattine
co’ un branco di ‘unìgliori da governà, e dóppo attàsto ‘r culo alle galline
   pulìa anco lo stallìno dér maiale.  E po’ facéa un mangiare saporito!
Per un isbagliàssi a mètte’ ‘r sale quante vòrte l’assaggiàà ‘or dito!
  « Bòn appetito, gente: si ‘omìncia? ».  A servì c’era la moglie dér becchino
(donna famosa ‘n tutta la provincia) che con du’ ossi ci facéa un brodino!
   Èrin du’ donne che sapéin fa tutto; ‘un mancava pròpio da mangià:
piattàte di salame e di preciùtto,  grostìni di ben quattro qualità,
    tordèlli fatti ‘n casa, maccheróni,  grigliate di piccioni e d’artri uccelli,                                                                                                        polli aròsto,cunìgliori, cappóni… tutto bòno da ciucciassi ‘ ppoppastrèlli.
  «Viva la cuocaaa!  Viva la zia Pinaaa! »  La gente era pròpio soddisfatta:
« Accidèrba, ‘om’è bbòna ‘esta sarsìna! » - « ’Ndovinàte un po’ con che l’ho fatta? »
   « Dìccelo, dìccelo… ‘un ci fa aspettà ». - « Con budèlla di ‘unìgliore tritate ».
« Nooo… bisogna pròpio sapé ffa’ a cucinà queste ‘ose prelibate!
   Che donna, che cuoca eccezionale! » - « Ora assaggiate anco ‘r mi’ brodino
d’ossa, sennò ci rimango male…»,  fece allo’ la moglie dér becchino.
  « Mm… bòno bòno… è pròpio saporito! O di che ossi è fatto?»  «Eeeeh… questo è un segreto:
me li porta sempre ‘r mi’ marito  che lavora ar camposanto ‘i Ceréto ».
  « Evvivaaaa!  Evviva ‘r brodìn’ d’ossa ‘i mortooo!  Evviva la moglie dér becchìnooo! »
urlò ‘na badiàla a collo tòrto che s’era trinca  du’ fiaschi ‘i vino.
   Ir vino era quér di Monteàllo, un vinìn così tanto squisito
che un fiasco, ‘un facéi ‘n tempo a ‘ncignàllo, in un amme era di già finito.
    E come ni piacéa anch’alli sposini!  Nèrchia era rosso paréa ‘na sarcìccia,
e Sisìna vedéa volà cert’uccellini senza le penne… di ‘gnuda ciccia.
   Intanto era ‘riva anco la frutta: cestini córmi d’uva, pèsca, pére
cór bào, gràgnoli, scudèrzole… (tutta ròbba genuina, còrta nér podere),
    canestràte di fii pitontóni…c’era pròpio ogni bèn di Ddio.
E ppo’ ‘ddorciùmi: certi vassoióni!  Sulla  tavola ce n’erìno un fottìo:
   cantucci fatti ‘n casa, nicchi nacchi, pezzetti di toróne e di panforte
(arcùni sani e arcùni tutti spacchi) e confetti tutti d’una sorte,
   tutti precisi, tutti per benino: Nèrchia ci s’era fatto pure male
a addirizzàlli tutti ‘or martellìno, ma avéa fatto un lavoro eccezionale;
   oddio… quarchedùno si sarà anco rotto, ma sùbbito quelli li mangiàa
e di confetti lu’ era così ghiotto!  N’avéa mangi tanti che scoppiàa.
   E alla zia come ni piacéa ‘r toróne!  L’avrébbe sgrano da mattina a sera;
ma in un pezzo duro ‘om’un mattone ci ni rimàsse pianta’ la dentiera;
   o, ‘un ci fu verso di tiràlla via: ci s’era appìccia che sembràa murata!
Quanto s’era data da ffa’, povera zia, per un mese mangiò la farinata.
   E ‘un è finita lì, mondo birbóne: nel lamentassi la bocca troppo aprìtte,
e di ‘orpo ce n’entrò drénto un moscone coll’ale aperte e cólle gambe ritte;
   era un tipo di moscone mórto raro, un mostro ‘osì ‘un s’era ma’ visto volà:
tutto peloso e nero, e così amaro, che la zia ‘un facéa artro ‘he sputacchià;
   lo sputacchiò tutto a pezzettìni, durò a sputacchià per guasi un’ora
e quando si riòrda ‘e mmomentìni… sputàcchia, sputàcchia sempre ancora.
   Erin le cinque, ir tempo era volato, quand’ecco arivà dalla cucina
ir pezzo di portata più pregiato: « La torta! Ecco la torta! »  urlò Sisìna,
   « Guardate vant’è bbella! È a quattro piani…l’ha fatta ‘r mi zio che fa anco l’oste:
è un omìn che sa fa tutto… ha certe mani!  Sapéssito ‘ome da bene le suppóste! »
   Oddio… bella forse sarà anco stata: era tutta fiorita di manine
e torno torno ‘osì sbocconcellàta, che sembràa l’aéssen bécca’ le galline.
   Sapete chi ciavéin misso a guardàlla?  La zia ‘un potéa sta llì a tutte l’ore,
ciavéa tanto da ffa’;  a controllàlla c’era ‘r famoso bimbo dér fattore,
   quello che appicciàa le mosche ar tavolino; e quarchedùna l’appicciò pure alla torta:
o cche vvòi… si divertìa, pòro bimbìno,  ma l’avéa fatta grossa, questa vòrta.
   Meno male che ‘r vino era speciale, e n’avéin trinchi ‘osì tanti bicchieri,
che passò com’una ‘osa originale: « Viva la tortaaa! Viva ‘r pasticcèriiii! »
   urlava la gente a tutto spiàno. « Viva li sposi che si dàno ‘r bacio! »
fece un omo cóllo spumante ‘n mano; e tutti ‘n coro: « Ba..cio - ba..cio - ba..cio… »
    Ir momento era troppo emozionante: li sposini si guardóno un po’ nell’occhi,
po’ Nèrchia l’abbracciò tutto tremante e a Sisìna tremàvino ‘ gginòcchi;
    ma quando partiàno per baciàssi, come avvicinàvino la chiocca,
ir naso ‘nsieme ‘un facéin che picchiàssi… o, ‘un c’era verso di rivà alla bocca.
   Sarà stato forse ‘r troppo vino, ma co’ un naso ‘osì, con quér nappóne,
(ce l’avéin tutti ‘ ddu’ un po’ lunghìno) ‘un riuscìano a trovà la soluzione;
    provóno ghièci vòrte e anco di più, (la gente appraudìa così eccitata):
dai dai ciarivóno a testa ‘n giù tutt’intorchiàti… ma fu ‘na fadiàta!
   « F..Fortunato c..chi nasce ‘or naso ‘órto…»,  fece Nèrchia, sudato, cór fiatóne,
come dóppo avé zappo tutto l’orto e mezza vigna sotto ‘r solleóne.
   Sisìna era tutta emozionata!   Era ‘r tramonto:  ir sole, piano piano,
salutata la ridente giornata, sparìtte ghiètro ar monte Pisano.
   La festa, ormai, era al lumicìno.  « Accidenti ‘r tempo ‘ome va lesto! »
brontolò la moglie dér becchino:  « Meno male che s’è comìncio presto ».
  « Io penso già a levàmmi domattina, ció un fottìo di galline da attastà…»
fece sconsolata la zia Pina cominciando lentamente a sparecchià.
   Era pròpio ‘r tempo de’ ssalùti, e dóppo fatta la fotografia
a riórdo de’ bbe’ momenti vissuti, la gente cominciò ad andà vvia.

   Restón l’amici, fino a notte fonda: tra ‘na beùta e l’artra, ‘no scherzo
e ‘na risata, fu tutta ‘na baraónda; di falli andà a letto ‘un c’era verso.
  « Beéte, beéte, ‘un fate c..compriménti… ora vi faccio assaggià un g..grappino
fatto ‘n c..casa da c..certi mi’ parenti,  ‘na d..derìzia, un liq..quore sopraffino,
   c..che pére ‘r matrimògnio abbiàm  serbato: Sisìna, v..vallo piglia
c..che ‘nsieme c..coll’amici l..lo ‘ncignàmo ». - « Tra pòo ‘ncignerài ‘n’ artra bottiglia…
   quella si che è dórce e preribàta! » - « ’Un i sto ‘n d..della pelle, ‘un v..véggo l’ora…»
« Speriàm che tu ‘un na trovi già ‘ncignàta! »  Tre o quattro giovanotti e un artro ancora,
   strizzando l’occhio, co’ un sorisétto marizióso si guardón tra loro:
« Viva li sposi che ora vano a lletto! » - « Evvivaaa! Evvivaaa! » rispóssen tutti ‘n coro.
   Era ‘osì tardi, rintoccón le tre quand’ ir primo amìo a smammàre ‘ominciò
salutando li sposini, finché anco l’urtimo, briào, ‘un se n’andò.


                             *  *  *  *  *  *  *  *  *       

 « L..Lo sai Sisìna? Ho un po’ la b..bocca amara:  d..devo… d..devo avé mangio t..troppo pollo;
ma ora vieni… ‘ng..nghiàmo a letto, c..cara? » - « Sisì, dai dai, pòrtamici ‘n collo! »
   La prese a bbiriùcci, e come Pietro,  (le gambe ‘un erìn più quelle ‘i prima),
uno scalino avanti e ddu’ agghiètro, dai dai ce la fece a ‘rivà ‘n cima.
  « Ir vin di M..Monteàllo ha f..fatto effetto!  Senti ‘ome ‘antàn forte l..l’usignoli… »
pensò tra se buttandola ‘n sul letto: « ma ora f..finarménte s..siamo soli…
   dai, sp..pogliati c..che ci ho le p..pursazióni! » - « Sisì, mi spoglio… ma ti spogli anco te? »
« O vvòi c.che venghi a letto c..co’ ccarzòni?  Dai, f..facciàm l’amore, vedrai c..che
   bello!  Sarà… sarà ‘ome un d..dórce sogno, p..proverai q..quér che ‘un hai p..provato mai ».
« Sisì, ma spengi ‘ llume ‘he mi vergogno… e fa ammodìn… come son, lo sai. »
   « Se ti fo male d..dimmelo, Sisìna ».  Tutto ‘nfoiàto di ‘orpo l’agguantò
coprendola ‘i baci, ‘arézze, ‘arche moìna; e sùbbito la gara ‘ncominciò.
   A fa all’amore Nèrchia era un campione! Quando partìa chi lo fermàa più?
Facéa stantuffà ‘r su’ gran pistone: « tutùn tutùn… tutùn tutùn… tutùn tutù… »
   Per élla stanza il letto caminàa, ballettàndo ‘ome fusse ‘r treno ‘n mòto;
ar pian di sotto, un bimbo ‘he riposàa di ‘orpo si svegliò: « Nonnaaa!  ‘r teremòtooo! »
  « Dormi, dormi, ‘un è nulla; a li mortàcci, senti su que’ ddùe come ci dàno! »
(dar soffitto cascaàno ‘ ccarcinàcci);  « Sss… ssìtto ‘he svegli nonno, fa piano ».
   E sbirciando ‘r marito che russàa: « Eeeh, bèrmi tempi… beata gioventù…
una vòrta anco lu’ teremotàa! » - « … Tutùn tutùn… tutùn tutùn… tutùn tutùn… »
   Dóppo un’oretta di arta prestazione,  ir treno dell’amore si fermò
poiché era ‘rivàto alla stazione;  e lo sposo alla sposa domandò,
   ancora ansante, ancó’ tutt’affannato: « C..Cara, ‘osa ne pensi ‘er  t..tu’ maritìno?
S..Se’ rimasta ‘ontènta? » – « Sisì, sei stato bravìn, ma ora mettimelo un popoìno
  anco drénto, dai!  Ma fai pianìn…» - «Ma p..pòrca vacca zozza, è un ora c..che cce l’hai! »
« Un ora?  Ma davvero? O io bonìn,  ‘un me n’ero neànco accorta: allora… ahiiiii! »

   Nèrchia restò llì, paréa di stucco:  « C..Che bìscaro… mi ci sta p..pròpio bene;
sono stato davvero un m..mammalùcco… ».  Tutta la notte ste’ cólle su’ pene,
   tutta la notte si rivoltolò: voleva guasi mèttila alla porta,                                                                                                        stava per fallo… ma po’ ci ripensò.  
                                                    I’ rresto lo racconto un’artra vòrta ».

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu